Tag

, , , , ,

Sara ormai ha preso il volo e le sue ali si stanno dimostrando più ampie e più forti di quanto noi stessi avessimo sperato.
La sua vita a Glasgow è per noi fonte di costante orgoglio e felicità: ha seguito i suoi sogni, scavalcato muri, aperto porte che sembravano chiuse e ora cammina con determinazione sulla strada che nessuno le ha indicato o ha scelto per lei.
Oltre a seguire i corsi al college (e a superare brillantemente gli esami periodici), si occupa del Clyde Insider – il giornale del college che è conosciuto ed apprezzato anche al di fuori dell’ambito scolastico – sia come editor della cronaca che come responsabile dell’impaginazione. Per il prossimo anno la responsabile del suo corso le ha già chiesto di assumere la carica di editore capo.
E la settimana scorsa le è stato proposto di rappresentare il suo corso di laurea al meeting di febbraio a Londra con il National Council for the Training of Journalists.
Sara ha accettato. Il National Council for the Training of Journalists (NCTJ) è l’organizzazione senza scopo di lucro che si occupa di stabilire i requisiti e le qualifiche necessarie per esercitare la professione di giornalista.
I corsi accreditati dall’NCTJ (come quello frequentato da Sara, appunto) sono riconosciuti in tutto il Regno Unito e hanno ottenuto riconoscimento formale anche all’interno dell’Unione Europea.
Lo Student Council a cui parteciperà Sara è un momento molto importante nella vita dell’organizzazione che così lo descrive sul suo sito:

“Each year, students on each course elect someone to take the position of student representative. This student maintains contact with the NCTJ, keeping the organisation informed of developments at their university, college or private provider. Student representatives are also kept informed of developments at the NCTJ, and are a vital link between the charity and all students.

Each student representative is invited to the annual Student Council meeting. Transparency is a core value of the NCTJ and the Student Council is one opportunity for the charity to uphold this value. All representatives attending the council ask their fellow students for their views and NCTJ staff, including the chairman and the chief executive, attend the council and answer questions formed by the representatives.”
http://www.nctj.com/Awards/Studentcouncil

“Ogni anno, gli studenti di ogni corso nominano qualcuno come rappresentante degli studenti. Questo studente tiene i contatti con l’NCTJ, mantenendo informata l’organizzazione sugli sviluppi nella sua università, college o istituto privato. I rappresentanti degli studenti sono inoltre tenuti al corrente degli sviluppi interni all’NCTJ e costituiscono un collegamento fondamentale tra l’ente e tutti gli studenti.

Ogni rappresentante è invitato all’annuale Consiglio degli Studenti. La trasparenza è un valore fondamentale per l’NCTJ e il Consiglio degli Studenti è un’occasione per affermare tale valore. I rappresentanti che partecipano al consiglio raccolgono le opinioni dei loro colleghi e il personale dell’NCTJ, compreso il presidente e il direttore generale, prendono parte al consiglio e rispondono alle domande dei rappresentanti.”

Possiamo non essere fieri di lei e felici per i risultati che sta ottenendo?
Chi ci conosce come famiglia sa che Sara non è là “perché ce lo potevamo permettere”. No, Sara è là perché ha creduto nei suoi sogni e noi abbiamo creduto nelle sue capacità. Perché nessuno di noi le ha mai detto “Lascia perdere: è troppo difficile” (benché altri l’abbiano fatto!), ma l’abbiamo sempre spronata e incoraggiata anche quando sarebbe bastato un soffio per farle perdere la speranza. Perché ha scelto di ascoltare il proprio coraggio e di attingere dal nostro, invece di dare retta alla paura che fin troppo facilmente avrebbe potuto sopraffarla.
Sara è là perché ha creduto. E ha scelto.
E come lei, tutti i ragazzi possono andare là. Perché “là” non è Glasgow, ma è dove si crea il proprio futuro.

Annunci